News

SOUNDIVERSITY, LA VOCE DELLA BIODIVERSITÀ

By 3 Marzo 2022 No Comments

SOUNDIVERSITY,

LA VOCE DELLA BIODIVERSITÀ

Soundiversity è il nuovo progetto Biosphaera, finanziato da Cariverona, che nel corso del biennio 2022/2023 coinvolgerà e sensibilizzerà gli studenti e la comunità sul tema della biodiversità con un approccio comunicativo nuovo e sperimentale basato sull’analisi, la percezione, la comunicazione e il monitoraggio dei paesaggi sonori.
Verona FabLab è partner del progetto, ideato da Biosphaera in collaborazione con importanti partner quali Cooperativa Samarcanda di Schio (VI) con il progetto MegaHub, Fondazione AIDA di Verona, e Fondazione ARCA di Verona e insieme a 5 Istituti Comprensivi delle province di Vicenza e Verona e al  Parco Natura Viva di Bussolengo (Verona).

IL TEMA: LA PERDITÀ GLOBALE DI BIODIVERSITÀ

Lo scottante tema della perdita di biodiversità, la cosiddetta Sesta Estinzione nella quale ci troviamo immersi, è un tema che stenta spesso a trovare spazi di discussione adeguati all’interno della scuola. Il declino delle specie animali e vegetali, il degrado degli habitat e la mancanza di conoscenza di base da parte dei cittadini in merito a questi temi sono questioni attualissime trattate a livello globale (Living Planet Report 2020) con impatti stimati anche sul livello economico (World Economic Forum 2020). Le iniziative internazionali a sostegno sono numerose come, ad esempio, il Super-Year of Biodiversity dichiarato nel 2020 dall’ ONU. Tuttavia, nel contesto nel quale operiamo (Regione Veneto), il tema della biodiversità è sicuramente in secondo piano rispetto ad altri temi come energie alternative, microplastiche o rifiuti che hanno decisamente più richiesta e risonanza, potendo contare anche su spazi dedicati nei percorsi didattici curriculari.

Per questi motivi, abbiamo ritenuto che raccontare e sperimentare la biodiversità (soprattutto locale) rappresenti una necessità improrogabile per contrastare il fenomeno della cosiddetta ecological amnesia, che rischia di rendere le giovani generazioni abituate a considerare le attuali condizioni della natura come condizioni normali e accettabili (vedi ad esempio P. H. Kahn, Jr., T. Weiss. “The Importance of Children Interacting with Big Nature.” Children, Youth and Environments 27, no. 2 2017: 7-24).

A questa situazione vanno positivamente a sommarsi le condizioni generate dall’introduzione dell’educazione ambientale nelle scuole (a partire dal 2020, vedi Linee Guida Ed. Civica, MIUR) che hanno fornito l’occasione e lo spunto per allargare la proposta didattica ambientale tradizionale dando maggiore spazio e forza ai temi strettamente naturalistici e in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Su queste basi analitiche è maturata quindi l’idea di un progetto che nasce dagli stimoli ricevuti dal ricercatore David Monacchi (ricercatore e compositore eco-acustico del conservatorio di Pesaro) ospite dell’edizione 2019 del FESAV – Festival della Scienza dell’Altovicentino organizzato da Biosphaera s.c.s.) e dal suo progetto Fragments of Extinction: in esso, la componente sonora raccolta nelle foreste primarie del pianeta diventa il mezzo, arcaico e moderno al tempo stesso, di lasciarsi coinvolgere e affascinare dal mondo naturale.

LE AZIONI DEL PROGETTO SOUNDIVERSITY

Soundiversity coinvolge e sensibilizza i minori, le famiglie e la comunità in genere sul tema della biodiversità: degrado, minacce, conoscenza locale, protezione e buone pratiche. Per fare ciò, utilizza un approccio comunicativo nuovo e sperimentale basato sull’analisi, la percezione, la comunicazione e il monitoraggio dei cosiddetti paesaggi sonori.

Il progetto prevede dei laboratori scientifici scolastici sulla biodiversità locale e dei lab tecnologici dedicati al suono e alla realizzazione di strumenti di registrazione. Con l’utilizzo di questi strumenti verrà promossa un’indagine, all’interno della quale le classi potranno realizzare campionamenti sonori e fornire segnalazioni di valore scientifico (citizen science) che andranno a comporre una mappa sonora del territorio, disponibile su un sito dedicato.

Scuola primaria e secondaria di primo grado

Per la scuola primaria, il tema verrà interpretato in forma artistica-sensoriale con l’organizzazione di lab finalizzati alla produzione di eco-musica a partire dai suoni ambientali raccolti; per la scuola secondaria, il tema verrà invece interpretato in chiave tecnologica, con lo sviluppo di strumenti digitali per il monitoraggio dei livelli di rumore in ambito urbano

Scuole superiori

Per le scuole superiori (secondaria di secondo grado) ci saranno due azioni specifiche: alternanza scuola/lavoro con raccolta di campioni sonori presso il Parco Natura Viva e formazione di guide per percorsi per ipovedenti.

Famiglie e pubblico generico

Per le famiglie verranno organizzati sound-trekking con l’opportunità di percepire e apprezzare la componente sonora della fauna locale attraverso l’utilizzo di specifica dotazione tecnologica (microfono parabolico, microfono ultrasonico).

Per il pubblico generico verrà verrà creato un Soundiversity Globe ovvero un hub itinerante composto da strutture globulari e da pannelli informativi dove poter sperimentare e conoscere i suoni ambientali (oltre ai temi specifici legati ai dati mondiali e locali sulla biodiversità) che verrà proposto alle amministrazioni locali per eventi culturali o di piazza.

Tutte le iniziative del progetto saranno pubblicate nelle prossime settimane sul sito www.soundiversity.it

Continua la tua lettura!

News

Un anno di 37100lab: imparare il digitale è un gioco da ragazzi, anzi da cittadini!

Un anno di 37100LAB: imparare il digitale è un gioco da ragazzi, anzi da cittadini! Si è concluso il 23 Luglio 2022 un anno di…
News

SUMMER CAMP S.T.E.P.S.

SUMMER CAMP S.T.E.P.S. CHIEVO Dopo il successo dell’iniziativa SCUOLA APERTA IC06, è in programma per l’estate 2022 un camp estivo dedicato alle ragazze e ragazzi…
News

UN CAMP ESTIVO ALLA SCOPERTA DEL FUTURO

UN LAB ESTIVO ALLA SCOPERTA DEL FUTURO A Verona è arrivato Summer Fabschool! Il camp estivo del futuro dedicato ai ragazzi dagli 11 ai 17…